presentazione

Comune di Bazzano
Comune di Castello di Serravalle
Comune di Crespellano
Comune di Monte San Pietro
Comune di Monteveglio

Che cosa significano le "buone pratiche"?

"Significa realizzare delle attività avendo capito - per questo esigono una ricerca - quanto un'organizzazione sociale, economica, culturale, nel senso più vasto, abbia bisogno di rapportarsi alla realtà costituita dalla pluralità degli individui. E' necessario, quindi, superare un'idea funzionalista che fa riferimento esclusivamente al modello ideale (uomo maschio adulto efficiente). Si rivela, questa idea funzionalista, di scarsa efficacia pur partendo dal presupposto di essere quanto mai efficace."
     A. Canevaro, in "Studium Educationis", n.3, CEDAM, Padova 2001.

La documentazione serve per:

  • Non perdere la memoria e dare continuità agli interventi per l'integrazione delle persone in situazione di handicap;
  • Trovare il senso del fare quotidiano, cioè: passare dal "fare esperienza" ad "avere esperienza";
  • Confrontarsi con gli altri, verificare e trovare gli strumenti adatti per capire la realtà e poterla cambiare;
  • Passare dalla "buona volontà dei sentimenti" alla "buona volontà organizzata";
  • Contribuire alla realizzazione di buone prassi.

"Ma il vero conflitto non è tra memoria e oblio, bensì tra memorie diverse. Non solo. Anche la memoria ha due facce.
Serve a tener vivo il passato, ma può anche rischiare di sacralizzarlo e di bloccare lo sviluppo delle identità nel presente. Una riflessione sulla memoria non può non essere di stimolo a un'identità capace, viceversa, di rinnovarsi."
N. Gallerano, Le verità della storia, Manifestolibri, Roma, 1999

Notizie e iniziative

leggi tutte le notizie

Mantieniti aggiornato tramite i nostri feed:

Ultimo aggiornamento: 09/06/2016